Startpage: luoghi da cui partire


La navigazione su Internet, negli ultimi anni, è cambiata in modo molto rapido. Se, infatti, fino a non molto tempo fa, si navigava prevalentemente passando da un sito all’altro o cliccando sui link disponibili nelle pagine visitate o ricorrendo alla lista dei “Preferiti” (a meno di non avere una memoria d’acciaio e di ricordarsi tutti gli url dei siti già visitati) o iniziando la navigazione da “Portali” generalisti (tipo Libero); oggi si ricorre sempre più spesso a una navigazione in qualche modo più mirata grazie all’uso non solo dei motori di ricerca, ma anche dei Feed RSS
Infatti, i motori di ricerca (che hanno avuto uno sviluppo notevole, diventando sempre più affidabili) ci indirizzano verso le pagine che contengono il materiale che stiamo cercando, mentre i Feed RSS ci “avvertono” quando un nuovo contenuto è stato pubblicato su uno dei siti che abbiamo scelto di seguire.
Negli ultimi tempi si stanno facendo notare le piattaforme che offrono servizi di “Startpage”, ovvero di pagine online da cui partire per navigare su Internet. È qualcosa di fondamentalmente diverso del “Portale” generalista di vecchia memoria, in quanto è completamente creato dall’utente che sceglie quali contenuti inserire e quali escludere. 
Le “Startpage” si basano essenzialmente sui Feed RSS e sui Widgets e possono essere condivise in parte o in toto con altri utenti. In tal modo, si possono creare “Starpage” tematiche anche molto settoriali e “di nicchia” che tengono aggiornati gli utenti su uno o più argomenti: ogni volta che un “produttore di contenuti” pubblica qualcosa di nuovo, sulla “Startpage” esso viene segnalato in automatico. Non resta che cliccare e leggere…
Ovviamente, ogni piattaforma si caratterizza per offrire certi servizi al posto di altri e la concorrenza è notevole. C’è quella che offre la possibilità di avere un blog, quella che offre anche la lettura delle proprie e-mail, la visione di video… Non resta che scegliere quella che più si avvicina alle proprie esigenze.

Commenti