Passa ai contenuti principali

Quando muore un blog?

Periodicamente si ripresenta nella blogosfera la questione di quando un blog si possa definire morto.
La domanda potrebbe sembrare peregrina, ma la sua insistenza ci dice, quantomeno, che il problema è sentito.
Le domande associate alla possibilità che un blog muoia sono molteplici.
La prima è sostanziale: quando si può affermare che un blog è morto? Quando non viene più aggiornato da molto tempo, oppure quando non viene più letto? Le due eventualità non sono collegate tra loro: un blog può essere “fermo” con gli aggiornamenti, ma custodire in sé contenuti ancora validi per un certo numero di lettori che lo leggono, lo commentano e lo citano; così come può essere aggiornato con regolarità ma non essere appetibile dai lettori e quindi letto, sostanzialmente, solo dal suo autore.
Un blog, quindi, muore quando lo decide il suo autore o quando viene abbandonato dai lettori?
Muore quando smette di essere uno strumento di dibattito tra coloro che lo frequentano, quando smette di generare contenuti fluidi?
E nel caso si ritenga che un blog è vivo se suscita dibattito anche se non più aggiornato, esso muore se il suo autore non partecipa più al dibattito (perché magari è morto), oppure resta vivo anche se a dibattere e commentare sono solo i lettori?
E un blog letto solo dal suo autore è davvero un blog morto?
E, poi, altra questione: una volta che un blog venga ritenuto morto, cosa fare dei suoi contenuti? Essi vanno cancellati o conservati?

Chi abbia una certa familiarità con una biblioteca vecchio stampo sa che quando un libro viene definito morto esso viene dismesso (buttato, regalato...). Infatti, per problemi di economia (intesa in senso ampio) una biblioteca non-conservativa non ritiene opportuno conservare un libro morto (ovvero, un libro che non viene più richiesto in lettura da molto tempo).

Un blog, però, non è un libro. A differenza di un libro, può inglobare in sé i contenuti scritti dai lettori che hanno voluto far sapere il loro pensiero tramite i commenti. Inoltre, un blog non porta con sé gli stessi problemi di spazio e di deterioramento che ha un libro, seppur abbia altri tipi di problematiche che, però, al momento, non sembrano essere comunemente percepite come gravi.
Un blog morto deve, dunque, restare on line, oppure sarebbe più opportuno che venisse cancellato?

Domande, quelle poste finora, cui oggi non è facile dare una risposta (ed è per questo che esse si ripresentano con regolarità), forse anche perché il fenomeno dell’espressione in pubblico tramite lo strumento del blog è ancora troppo recente e, quindi, non si ha quel distacco necessario per una valutazione oggettiva che possa portare alla stesura di criteri ampiamente ritenuti validi.
In altre parole, ritengo che, oggi, alle domande sopra ricordate si possa rispondere solo “soggettivamente”. A mio avviso ne segue, quindi, che solo l’autore di un blog possa decidere se il suo prodotto è morto e se esso debba, comunque, restare on line oppure essere cancellato.
Ai lettori la facoltà di dimenticarlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

I leader in campagna elettorale (Post tra il serio e il faceto)

A una settimana dal voto (e nel giorno del mio compleanno) esprimo a voce alta qualche sensazione epidermica da elettore medio quale sono sulla campagna elettorale di cui siamo stati “vittime”. Premetto che, dato che i leader sono tutti di sesso maschile, il post prenderà inevitabilmente una certa piega... Se sei di palato fine, allontanati o leggi con bonaria comprensione. Dicevo che i leader sono tutti uomini. Tranne una: tra le fila dei partiti senza speranza, infatti, primeggia Giorgia Meloni, da subito ribattezzata “la bambina” per togliere di mezzo il suo essere donna e, quindi, renderla inoffensiva dal punto di vista del gender. Le altre donne sono state relegate al ruolo di vestali, amazzoni o prostitute a seconda delle propensioni personali o dell’appartenenza politica. Dicevo anche che di questa campagna elettorale siamo stati vittime. Essa, infatti, mi è parsa priva di contenuti e, comunicativamente parlando, stanca e noiosa. Mi pare, infat…

La vignetta maschilista di Vauro pubblicata da una donna

Altrove ho sottolineato come, a mio avviso, una vignetta disegnata da Vauro, all’indomani dell’outing di Lucio Dalla, fosse omofoba (vedi Parole GLBT).  Oggi, pur specificando che, nel complesso, le vignette di Vauro solitamente mi fanno sorridere, torno a scrivere di Vauro per esprimere sdegno per la vignetta, dedicata alla Ministro Fornero, pubblicata da “il manifesto” . Una vignetta brutta che parrebbe denotare un feroce maschilismo da parte di chi l’ha disegnata. Maschilismo e sessismo che giustamente hanno infastidito la Ministro delle Pari opportunità Elsa Fornero che, pubblicamente, ha definito “vergognosa” la vignetta di Vauro. Un maschilismo e sessismo che salta agli occhi: la Fornero è disegnata come fosse una donna di facili costumi che aspetta la telefonata del cliente (Marchionne). Un disegno e un titolo (“La Ministra squillo”) che, a mio avviso, non solo offendono Elsa Fornero, ma anche le donne in genere, le quali vengono pensate come delle prostitute capaci di aspettare te…

Andare oltre l'ebook

Sonia Lombardo in Oltre l’eBook. Guida alla Letteratura 2.0 edito da Smashwords nel 2012 esamina quella che si potrebbe definire la letteratura sperimentale nell’era del Web. Infatti, la Saggista illustra quali sono le forme letterarie che gli scrittori più innovativi stanno sperimentando grazie alla Rete.  Autori che non si accontentano che la loro opera subisca una semplice trasformazione da cartacea a elettronica diventando un ebook, ma che ambiscono a coinvolgere il lettore in nuove esperienze di fruizione e di partecipazione. L’Autrice ricorda che, per come sono pensati oggi gli eReader, per poter sperimentare non è possibile accontentarsi di un ebook, perché questi non offrono una vera partecipazione del lettore. Bisogna andare oltre l’ebook (come dice il titolo del saggio) e usare piattaforme Web e App sempre più innovative, grazie alle quali il lettore può essere coinvolto in un’esperienza di lettura che è anche co-autoriale, oltre che ludica, e che resta unica e diversa da quella…

Porta la vagina all'UCI Cinemas

In certi locali dove si cerca sesso le persone sono i loro genitali. Ecco, allora, che, quasi sempre, le vagine entrano gratis o pagano un biglietto simbolico; i peni accompagnati da vagine pagano il prezzo scontato; i peni solitari pagano biglietto intero. Il non detto che c’è dietro la promozione pare abbastanza chiaro e non sembra per nulla lusinghiero nei confronti delle donne: se sei un pene in cerca di vagina sappi che hai pagato per averla, quindi non farti scrupoli;se sei una vagina sappi che i peni hanno pagato per te, quindi mollala!In ogni caso, ciò che pare chiaro dalla “comunicazione non espressa” è che la vagina è percepita come una merce di conquista per i peni (non prendendo in alcuna considerazione l’eventualità che vi siano vagine in cerca di vagine o peni in cerca di altri peni).
In certi locali in cui si cerca sesso le persone sono i loro genitali, ma al cinema? Al cinema no! Dai al cinema! Eppure… Eppure in certi giorni e in certi cinema le persone sono i loro genitali. E…

Contenuti in movimento

Chi diffonde i propri contenuti nel Web gradisce che essi siano usufruiti anche da coloro (e sono sempre di più) che non usano i computer per navigare. Per raggiungere chi adopera lo smartphone e/o il tablet per tenersi aggiornato, ci sono svariati modi, tra cui la diffusione di una newsletter, la condivisione dei contenuti tramite i social network o l’uso dei Feed RSS
La creazione di una App specifica per diffondere i propri contenuti non va trascurata. Ad esempio, io ne ho realizzata una per i dispositivi Android. Non sempre, però, il navigatore ha voglia di istallare sul proprio dispositivo una nuova App... o non sempre esiste una App che funzioni sul proprio sistema operativo...
Ecco, allora, che potrebbe anche essere utile usare delle App assai diffuse come WhatsApp e Telegram (per dirne due che funzionano sui principali sistemi operativi) per veicolare i propri contenuti. WhatsApp mette a disposizione degli utenti le “Liste di distribuzione” con le quali poter mandare uno stesso mes…