Passa ai contenuti principali

Al Teatro Donizetti c’è chi è rimasto all’Era 1.0

Questa è l’Era 2.0 ossia, semplificando, è l’epoca in cui la comunicazione via Web è fondamentale: spesso ciò che viene pubblicato sui blog, postato su Twitter, condiviso su Facebook e G+ è noto anche a chi non è assiduo frequentatore del Web 2.0, perché ripreso anche da testate giornalistiche vecchio stampo (come giornali, radio e TV).
In questa Era sempre connessa, però, può accadere quanto segue...Ieri pomeriggio ho ricevuto una telefonata dall’Ufficio Stampa del Teatro Donizetti (persona che reputo assai competente) che mi informava che il Direttore del teatro aveva stabilito che, da quel momento in poi, non si sarebbero più dati accrediti stampa ai blogger come me. Ciò significava, proseguiva l’Ufficio Stampa, che saltavano i posti anche per la prima che sarebbe andata in scena ieri sera stessa.
Ho tentato di darmi una spiegazione plausibile del perché un Direttore di un teatro plubblico debba arrivare a prendere una decisione ai miei occhi tanto incomprensibile.
  • Forse non sa che questa è l’Era 2.0 e immagina che i blogger siano tutti dei ragazzini brufolosi che “giocano all’Internet” e i cui post non vengono letti da alcuno?
  • Forse ha tali e tanti problemi di budget da dover lasciare fuori dal teatro dei recensori? (Per chi non lo sapesse dare un accredito stampa equivale a dare un biglietto gratuito).
  • Forse ritiene che chi scrive sul Web 2.0 non abbia le competenze per poter recensire uno spettacolo?
  • Forse - come mi è stato suggerito su Facebook - ritiene che i giornalisti di testate foraggiate con i soldi della pubblicità possano essere in qualche modo più “comprensivi” con gli attori e i registi di quanto non lo siano per solito i blogger?
Domande, come si può immaginare, a cui ho tentato di darmi qualche ipotetica risposta, giungendo alle conclusioni che riporto di seguito.
  • Un Direttore di un teatro finanziato con soldi pubblici (soldi degli onesti contribuenti) che ignora che siamo nell’Era 2.0 forse non è la persona più adatta a dirigere una struttura che dovrebbe, invece, fare di tutto per avvantaggiarsi della democraticità degli strumenti messi a disposizione dal Web 2.0. Strumenti che danno la possibilità ad alcuni di pubblicare scritti che, non solo restano leggibili molto più a lungo di qualsiasi scritto pubblicato da una testata vecchio stampo, ma, spesso, hanno lo stesso numero di lettori delle pagine culturali di certi quotidiani locali.
  • Un Direttore che ha tali e tanti problemi di budget da dover prendere la decisione di negare un accredito a dei recensori, forse non è l’uomo giusto al posto giusto e la ragione è palese e non necessita di altre parole.
  • Un Direttore che ritiene che i blogger siano persone prive delle adeguate competenze non è persona che possa dirigere un teatro pubblico, in quanto rivela di essere persona di tale superficialità da non meritare la fiducia dei cittadini e di chi li rappresenta che, invece, sanno bene che vi sono blogger che, non solo hanno le competenze per recensire gli spettacoli, ma, alcuni di loro, hanno anche le competenze per dirigere un teatro pubblico.
  • E infine un Direttore che non crede nella validità della stagione teatrale che ha finanziato con soldi pubblici, tanto da dover essere costretto a sperare nella benevolenza di alcuni giornalisti che lui ritiene possa essere alimentata dai soldi (pubblici) investiti nella pubblicità, non è il Direttore che vogliamo come spettatori, in quanto è un Direttore che offre al pubblico un prodotto di cui, probabilmente, non è convinto.
Ciò detto, sicuramente nessuna delle spiegazioni che mi sono dato è corrispondente alla realtà e, quindi, resto con il desiderio di ricevere una spiegazione plausibile per la scelta compiuta - a stagione avviata - dal Direttore del teatro e non perché non abbia la possibilità di pagare il costo del biglietto per vedere quegli spettacoli che mi interessano, ma perché mi risulta difficile capire una decisione che reputo al limite dell’autolesionismo.

Commenti

Post popolari in questo blog

I leader in campagna elettorale (Post tra il serio e il faceto)

A una settimana dal voto (e nel giorno del mio compleanno) esprimo a voce alta qualche sensazione epidermica da elettore medio quale sono sulla campagna elettorale di cui siamo stati “vittime”. Premetto che, dato che i leader sono tutti di sesso maschile, il post prenderà inevitabilmente una certa piega... Se sei di palato fine, allontanati o leggi con bonaria comprensione. Dicevo che i leader sono tutti uomini. Tranne una: tra le fila dei partiti senza speranza, infatti, primeggia Giorgia Meloni, da subito ribattezzata “la bambina” per togliere di mezzo il suo essere donna e, quindi, renderla inoffensiva dal punto di vista del gender. Le altre donne sono state relegate al ruolo di vestali, amazzoni o prostitute a seconda delle propensioni personali o dell’appartenenza politica. Dicevo anche che di questa campagna elettorale siamo stati vittime. Essa, infatti, mi è parsa priva di contenuti e, comunicativamente parlando, stanca e noiosa. Mi pare, infat…

La vignetta maschilista di Vauro pubblicata da una donna

Altrove ho sottolineato come, a mio avviso, una vignetta disegnata da Vauro, all’indomani dell’outing di Lucio Dalla, fosse omofoba (vedi Parole GLBT).  Oggi, pur specificando che, nel complesso, le vignette di Vauro solitamente mi fanno sorridere, torno a scrivere di Vauro per esprimere sdegno per la vignetta, dedicata alla Ministro Fornero, pubblicata da “il manifesto” . Una vignetta brutta che parrebbe denotare un feroce maschilismo da parte di chi l’ha disegnata. Maschilismo e sessismo che giustamente hanno infastidito la Ministro delle Pari opportunità Elsa Fornero che, pubblicamente, ha definito “vergognosa” la vignetta di Vauro. Un maschilismo e sessismo che salta agli occhi: la Fornero è disegnata come fosse una donna di facili costumi che aspetta la telefonata del cliente (Marchionne). Un disegno e un titolo (“La Ministra squillo”) che, a mio avviso, non solo offendono Elsa Fornero, ma anche le donne in genere, le quali vengono pensate come delle prostitute capaci di aspettare te…

Andare oltre l'ebook

Sonia Lombardo in Oltre l’eBook. Guida alla Letteratura 2.0 edito da Smashwords nel 2012 esamina quella che si potrebbe definire la letteratura sperimentale nell’era del Web. Infatti, la Saggista illustra quali sono le forme letterarie che gli scrittori più innovativi stanno sperimentando grazie alla Rete.  Autori che non si accontentano che la loro opera subisca una semplice trasformazione da cartacea a elettronica diventando un ebook, ma che ambiscono a coinvolgere il lettore in nuove esperienze di fruizione e di partecipazione. L’Autrice ricorda che, per come sono pensati oggi gli eReader, per poter sperimentare non è possibile accontentarsi di un ebook, perché questi non offrono una vera partecipazione del lettore. Bisogna andare oltre l’ebook (come dice il titolo del saggio) e usare piattaforme Web e App sempre più innovative, grazie alle quali il lettore può essere coinvolto in un’esperienza di lettura che è anche co-autoriale, oltre che ludica, e che resta unica e diversa da quella…

Porta la vagina all'UCI Cinemas

In certi locali dove si cerca sesso le persone sono i loro genitali. Ecco, allora, che, quasi sempre, le vagine entrano gratis o pagano un biglietto simbolico; i peni accompagnati da vagine pagano il prezzo scontato; i peni solitari pagano biglietto intero. Il non detto che c’è dietro la promozione pare abbastanza chiaro e non sembra per nulla lusinghiero nei confronti delle donne: se sei un pene in cerca di vagina sappi che hai pagato per averla, quindi non farti scrupoli;se sei una vagina sappi che i peni hanno pagato per te, quindi mollala!In ogni caso, ciò che pare chiaro dalla “comunicazione non espressa” è che la vagina è percepita come una merce di conquista per i peni (non prendendo in alcuna considerazione l’eventualità che vi siano vagine in cerca di vagine o peni in cerca di altri peni).
In certi locali in cui si cerca sesso le persone sono i loro genitali, ma al cinema? Al cinema no! Dai al cinema! Eppure… Eppure in certi giorni e in certi cinema le persone sono i loro genitali. E…

L'Era degli Influencer

Questa è l’Era degli Influencer. Non ho idea di quanto possa durare, ma è sicuramente il loro momento. Ma chi sono gli Influencer? Il termine indica una galassia assai variegata di persone e non potrebbe essere altrimenti.  Semplificando molto, si va da personaggi (vere e proprie star dei social) che hanno milioni di follower sul web e la loro importanza sta tutta nel numero di persone che li segue; a persone con molti ma molti meno follower, ma che basano la loro influenza sulle loro competenze specifiche. Ciò che accomuna gli Influencer, ad ogni modo, è il fatto che chi li segue si fida di loro. Li tratta da amici e da loro sono trattati come amici. La conversazione tra un Influencer e i propri follower non si interrompe mai, perché è la relazione in essere tra i soggetti che fa la differenza tra un Influencer e, mettiamo, un generico giornalista, un blogger o un utente medio dei social. Una relazione che rende l’Influencer un soggetto in grado di influenzare (lo dice il termine) coloro ch…