Passa ai contenuti principali

Recruiter ficcanaso e poco professionali


Si è detto e si è sentito dire parecchie volte: oggi i recruiter (ossia coloro che selezionano nuovi dipendenti per le aziende) invece di attenersi solo a quanto scritto sui curricula che arrivano sulle loro scrivanie, scandagliano anche il Web per leggere e vedere quanto in esso pubblicato dai candidati che a loro spetta selezionare.
Si ripete, perciò, di stare attenti a non pubblicare contenuti compromettenti e/o inadatti.
Giusta raccomandazione che, però, non mette in luce un aspetto alquanto inquietante. 

Si vuole, infatti, porre l’attenzione sulla scarsa professionalità di quei selezionatori del personale che, invece di affidarsi al curriculum che il candidato ha sottoposto loro e, se interessati, approfondire la conoscenza con un colloquio di lavoro, vanno a mettere il naso nella vita online dei candidati stessi.
Tali recruiter sono, perlomeno, dei ficcanaso, in quanto non vi è nessuna reale ragione per la quale un aspirante dipendente debba essere valutato per quanto pubblica in Rete. 
Un aspirante dipendete deve, infatti, essere selezionato in base alle sue capacità professionali che sono ben altra cosa da quanto da lui detto o fatto durante la sua vita non-lavorativa.
L’assunto per il quale il tempo del lavoro e il tempo non-lavorativo devono in qualche modo specchiarsi l’uno nell’altro è aberrante, se non si ricopre una carica che, per l’azienda, è di rappresentanza. Tale assunto, infatti, soggiace alla logica per la quale un dipendente è tale sempre, al di là del tempo che trascorre lavorando. Una logica che finisce per rendere il dipendente una proprietà del suo datore di lavoro. Una logica perversa cui è bene ribellarsi.

Ciò detto, a coloro che lamentano il fatto di non essere stati assunti da un’azienda per il solo fatto di aver pubblicato in un social network una foto di loro stessi ubriachi o in altro atteggiamento che può averli messi in cattiva luce, si vorrebbe porre la domanda se davvero essi avrebbero voluto lavorare per un’azienda che mette il naso nella loro vita privata, annullando, con ciò, il confine tra vita lavorativa e vita non-lavorativa che, invece, dovrebbe essere invalicabile. 
Costoro, invece di lamentarsi per non essere stati assunti, dovrebbero rallegrarsene, perché un’azienda siffatta, anche durante il tempo lavorativo, non li avrebbe giudicati solo e soltanto in base ai risultati del loro lavoro, ma li avrebbe continuamente spiati anche nel loro vissuto non-lavorativo.

Ai recruiter che scandagliano la vita privata dei candidati che stanno selezionando, invece, si vorrebbe chiedere se sono alla ricerca di schiavi o di collaboratori. Se preferiscono avere in azienda professionisti che sanno fare il lavoro per i quali sono pagati, oppure dipendenti la cui qualità principale è quella di avere una vita monastica.
Infine, a tali selezionatori, si vorrebbe raccomandare di non fare un uso improprio della Rete.

Commenti

Post popolari in questo blog

I leader in campagna elettorale (Post tra il serio e il faceto)

A una settimana dal voto (e nel giorno del mio compleanno) esprimo a voce alta qualche sensazione epidermica da elettore medio quale sono sulla campagna elettorale di cui siamo stati “vittime”. Premetto che, dato che i leader sono tutti di sesso maschile, il post prenderà inevitabilmente una certa piega... Se sei di palato fine, allontanati o leggi con bonaria comprensione. Dicevo che i leader sono tutti uomini. Tranne una: tra le fila dei partiti senza speranza, infatti, primeggia Giorgia Meloni, da subito ribattezzata “la bambina” per togliere di mezzo il suo essere donna e, quindi, renderla inoffensiva dal punto di vista del gender. Le altre donne sono state relegate al ruolo di vestali, amazzoni o prostitute a seconda delle propensioni personali o dell’appartenenza politica. Dicevo anche che di questa campagna elettorale siamo stati vittime. Essa, infatti, mi è parsa priva di contenuti e, comunicativamente parlando, stanca e noiosa. Mi pare, infat…

La vignetta maschilista di Vauro pubblicata da una donna

Altrove ho sottolineato come, a mio avviso, una vignetta disegnata da Vauro, all’indomani dell’outing di Lucio Dalla, fosse omofoba (vedi Parole GLBT).  Oggi, pur specificando che, nel complesso, le vignette di Vauro solitamente mi fanno sorridere, torno a scrivere di Vauro per esprimere sdegno per la vignetta, dedicata alla Ministro Fornero, pubblicata da “il manifesto” . Una vignetta brutta che parrebbe denotare un feroce maschilismo da parte di chi l’ha disegnata. Maschilismo e sessismo che giustamente hanno infastidito la Ministro delle Pari opportunità Elsa Fornero che, pubblicamente, ha definito “vergognosa” la vignetta di Vauro. Un maschilismo e sessismo che salta agli occhi: la Fornero è disegnata come fosse una donna di facili costumi che aspetta la telefonata del cliente (Marchionne). Un disegno e un titolo (“La Ministra squillo”) che, a mio avviso, non solo offendono Elsa Fornero, ma anche le donne in genere, le quali vengono pensate come delle prostitute capaci di aspettare te…

Andare oltre l'ebook

Sonia Lombardo in Oltre l’eBook. Guida alla Letteratura 2.0 edito da Smashwords nel 2012 esamina quella che si potrebbe definire la letteratura sperimentale nell’era del Web. Infatti, la Saggista illustra quali sono le forme letterarie che gli scrittori più innovativi stanno sperimentando grazie alla Rete.  Autori che non si accontentano che la loro opera subisca una semplice trasformazione da cartacea a elettronica diventando un ebook, ma che ambiscono a coinvolgere il lettore in nuove esperienze di fruizione e di partecipazione. L’Autrice ricorda che, per come sono pensati oggi gli eReader, per poter sperimentare non è possibile accontentarsi di un ebook, perché questi non offrono una vera partecipazione del lettore. Bisogna andare oltre l’ebook (come dice il titolo del saggio) e usare piattaforme Web e App sempre più innovative, grazie alle quali il lettore può essere coinvolto in un’esperienza di lettura che è anche co-autoriale, oltre che ludica, e che resta unica e diversa da quella…

Porta la vagina all'UCI Cinemas

In certi locali dove si cerca sesso le persone sono i loro genitali. Ecco, allora, che, quasi sempre, le vagine entrano gratis o pagano un biglietto simbolico; i peni accompagnati da vagine pagano il prezzo scontato; i peni solitari pagano biglietto intero. Il non detto che c’è dietro la promozione pare abbastanza chiaro e non sembra per nulla lusinghiero nei confronti delle donne: se sei un pene in cerca di vagina sappi che hai pagato per averla, quindi non farti scrupoli;se sei una vagina sappi che i peni hanno pagato per te, quindi mollala!In ogni caso, ciò che pare chiaro dalla “comunicazione non espressa” è che la vagina è percepita come una merce di conquista per i peni (non prendendo in alcuna considerazione l’eventualità che vi siano vagine in cerca di vagine o peni in cerca di altri peni).
In certi locali in cui si cerca sesso le persone sono i loro genitali, ma al cinema? Al cinema no! Dai al cinema! Eppure… Eppure in certi giorni e in certi cinema le persone sono i loro genitali. E…

Debutto di Cielo

Cielo è la nuova televisione in chiaro del gruppo Sky che si può vedere sia sul digitale terrestre, sia su satellite. Doveva partire il 1° dicembre, ma per motivi burocratici è partita il 16.
Il 16 alle 19 in punto sono iniziate le trasmissioni con l’edizione del telegiornale di Sky TG24.
Dopo il TG hanno trasmesso il primo episodio di una vecchia serie TV: Jarod il Camaleonte e, in seguito, la replica di The Beach con Leonardo Di Caprio.
Una partenza che potrebbe far pensare a Cielo come a un canale in cui saranno trasmesse prevalentemente repliche. Eppure, la presentazione del palinsesto trasmessa dall’emittente in queste ore promette la messa in onda di serie TV mai apparse in televisione e di nuovi programmi.
Perché, allora, iniziare con un’edizione di TG e far seguire delle repliche di programmi e film già visti?
Le risposte possono essere molteplici. La scelta, pare evidente, è stata sicuramente ragionata e non lasciata al caso.
Si prova a dare qualche risposta frutto d…