Passa ai contenuti principali

Dall'ambra al Web


Edito nel 2007 da Stampa Alternativa, Hacker, scienziati e pionieri di Carlo Gubitosa è un libro agile e divulgativo che ricostruisce la “Storia sociale del ciberspazio e della comunicazione elettronica” (come recita il sottotitolo) grazie a una serie di brevi capitoli che descrivono invenzioni e raccontano la vita degli inventori, sia di quelli noti, sia di quelli sconosciuti.
A questi ultimi, l’Autore, spesso, rende giustizia riconoscendo loro la reale paternità di qualche invenzione che, da tutti, viene, invece, attribuita ad altri.
Scrive, a tale proposito, Gubitosa:
[...] con mio grande stupore e sorpresa, ho scoperto che Samuel Morse non ha inventato il telegrafo, Thomas Edison non ha inventato la lampadina, Alexander Bell non ha inventato il telefono, Guglielmo Marconi non ha inventato la radio, Bill Gates non ha inventato l’MS-Dos [...]

Le creature di Morse, Edison, Bell, Marconi e Gates, infatti, non sono delle idee totalmente innovative, concepite a partire dal buio scientifico o piombate all’improvviso come folgorazioni, ma sono solamente il perfezionamento di tecnologie già esistenti e abbozzate dai loro veri inventori, personaggi rimasti nell’ombra o addirittura sconosciuti.
A costoro, si ripete, il Saggista rende merito e mostra anche come, coloro che di certe invenzioni passano per esserne i padri, abbiano solo migliorato le “folgorazioni” altrui o le hanno sfruttate commercialmente, anche usando colossali campagne di marketing.
Spesso le biografie degli inventori si intrecciano tra loro: amicizie che sfociano in collaborazioni e incontri che si rivelano fondamentali. Ecco, allora, che quanto solo accennato in un capitolo, diventa materia principale di un capitolo dedicato a un’altra invenzione e a un altro protagonista...
Il filo conduttore che unisce i vari capitoli è l’uso dell’elettricità (scoperta sfregando dell’ambra) a scopi comunicativi e, quindi, anche il computer viene descritto non tanto come strumento di calcolo, ma di comunicazione.
Non stupisce, quindi, che punto d’arrivo (reale e simbolico) della storia tracciata da Gubitosa sia il lancio e l’affermarsi di Internet, spazio di “intercreatività” (così come definito dal creatore del World Wide Web Tim Berners-Lee) in cui interagire e comunicare è diventato, davvero, alla portata di chiunque.
Altro filo rosso che percorre le pagine del saggio, è la spiegazione della filosofia hacker e dell’open source che evidenzia come la scelta di rendere non-commerciale alcune scoperte sia stata presa con il fine di rendere il Mondo un posto migliore per tutti e non solo per chi può permettersi di acquistare le licenze di utilizzo. Ciò, fatto di non secondaria importanza, ha anche fatto sì che i “codici sorgenti” su cui la comunità ha potuto lavorare siano stati costantemente migliorati e corretti.
Un libro, quello di Gubitosa, che si rivela una buona lettura per coloro che vogliono conoscere chi e cosa c’è dietro gli strumenti che ci permettono, o ci hanno permesso, di poter comunicare abbattendo ogni confine di spazio e di tempo.
Il volume è stato distribuito da Gubitosa con licenza “Creative commons”.

Commenti

Post popolari in questo blog

I leader in campagna elettorale (Post tra il serio e il faceto)

A una settimana dal voto (e nel giorno del mio compleanno) esprimo a voce alta qualche sensazione epidermica da elettore medio quale sono sulla campagna elettorale di cui siamo stati “vittime”. Premetto che, dato che i leader sono tutti di sesso maschile, il post prenderà inevitabilmente una certa piega... Se sei di palato fine, allontanati o leggi con bonaria comprensione. Dicevo che i leader sono tutti uomini. Tranne una: tra le fila dei partiti senza speranza, infatti, primeggia Giorgia Meloni, da subito ribattezzata “la bambina” per togliere di mezzo il suo essere donna e, quindi, renderla inoffensiva dal punto di vista del gender. Le altre donne sono state relegate al ruolo di vestali, amazzoni o prostitute a seconda delle propensioni personali o dell’appartenenza politica. Dicevo anche che di questa campagna elettorale siamo stati vittime. Essa, infatti, mi è parsa priva di contenuti e, comunicativamente parlando, stanca e noiosa. Mi pare, infat…

La vignetta maschilista di Vauro pubblicata da una donna

Altrove ho sottolineato come, a mio avviso, una vignetta disegnata da Vauro, all’indomani dell’outing di Lucio Dalla, fosse omofoba (vedi Parole GLBT).  Oggi, pur specificando che, nel complesso, le vignette di Vauro solitamente mi fanno sorridere, torno a scrivere di Vauro per esprimere sdegno per la vignetta, dedicata alla Ministro Fornero, pubblicata da “il manifesto” . Una vignetta brutta che parrebbe denotare un feroce maschilismo da parte di chi l’ha disegnata. Maschilismo e sessismo che giustamente hanno infastidito la Ministro delle Pari opportunità Elsa Fornero che, pubblicamente, ha definito “vergognosa” la vignetta di Vauro. Un maschilismo e sessismo che salta agli occhi: la Fornero è disegnata come fosse una donna di facili costumi che aspetta la telefonata del cliente (Marchionne). Un disegno e un titolo (“La Ministra squillo”) che, a mio avviso, non solo offendono Elsa Fornero, ma anche le donne in genere, le quali vengono pensate come delle prostitute capaci di aspettare te…

Andare oltre l'ebook

Sonia Lombardo in Oltre l’eBook. Guida alla Letteratura 2.0 edito da Smashwords nel 2012 esamina quella che si potrebbe definire la letteratura sperimentale nell’era del Web. Infatti, la Saggista illustra quali sono le forme letterarie che gli scrittori più innovativi stanno sperimentando grazie alla Rete.  Autori che non si accontentano che la loro opera subisca una semplice trasformazione da cartacea a elettronica diventando un ebook, ma che ambiscono a coinvolgere il lettore in nuove esperienze di fruizione e di partecipazione. L’Autrice ricorda che, per come sono pensati oggi gli eReader, per poter sperimentare non è possibile accontentarsi di un ebook, perché questi non offrono una vera partecipazione del lettore. Bisogna andare oltre l’ebook (come dice il titolo del saggio) e usare piattaforme Web e App sempre più innovative, grazie alle quali il lettore può essere coinvolto in un’esperienza di lettura che è anche co-autoriale, oltre che ludica, e che resta unica e diversa da quella…

Porta la vagina all'UCI Cinemas

In certi locali dove si cerca sesso le persone sono i loro genitali. Ecco, allora, che, quasi sempre, le vagine entrano gratis o pagano un biglietto simbolico; i peni accompagnati da vagine pagano il prezzo scontato; i peni solitari pagano biglietto intero. Il non detto che c’è dietro la promozione pare abbastanza chiaro e non sembra per nulla lusinghiero nei confronti delle donne: se sei un pene in cerca di vagina sappi che hai pagato per averla, quindi non farti scrupoli;se sei una vagina sappi che i peni hanno pagato per te, quindi mollala!In ogni caso, ciò che pare chiaro dalla “comunicazione non espressa” è che la vagina è percepita come una merce di conquista per i peni (non prendendo in alcuna considerazione l’eventualità che vi siano vagine in cerca di vagine o peni in cerca di altri peni).
In certi locali in cui si cerca sesso le persone sono i loro genitali, ma al cinema? Al cinema no! Dai al cinema! Eppure… Eppure in certi giorni e in certi cinema le persone sono i loro genitali. E…

L'Era degli Influencer

Questa è l’Era degli Influencer. Non ho idea di quanto possa durare, ma è sicuramente il loro momento. Ma chi sono gli Influencer? Il termine indica una galassia assai variegata di persone e non potrebbe essere altrimenti.  Semplificando molto, si va da personaggi (vere e proprie star dei social) che hanno milioni di follower sul web e la loro importanza sta tutta nel numero di persone che li segue; a persone con molti ma molti meno follower, ma che basano la loro influenza sulle loro competenze specifiche. Ciò che accomuna gli Influencer, ad ogni modo, è il fatto che chi li segue si fida di loro. Li tratta da amici e da loro sono trattati come amici. La conversazione tra un Influencer e i propri follower non si interrompe mai, perché è la relazione in essere tra i soggetti che fa la differenza tra un Influencer e, mettiamo, un generico giornalista, un blogger o un utente medio dei social. Una relazione che rende l’Influencer un soggetto in grado di influenzare (lo dice il termine) coloro ch…