Passa ai contenuti principali

Perché tenere un Blog al tempo di Facebook

Perché tenere un Blog oggi che c’è Facebook?
Conosco persone che si sono poste la domanda e hanno risposto ad essa chiudendo i loro Blog* e pubblicando solo su Facebook, il luogo oggi più popoloso della Rete.

Al tempo di Facebook
Molti, moltissimi, sono approdati a Internet grazie a Facebook. A tale social network si deve, infatti, in larga misura, l’ingresso del Web nella vita quotidiana di milioni di persone.
La maggioranza di tali persone, oltre a Facebook, non sente la necessità di avere un altro posto, in Rete, dove pubblicare le proprie idee, emozioni, informazioni…
Conoscono Facebook e ad esso affidano la loro presenza in Rete.
Al tempo di Facebook, molti credono che Facebook sia sinonimo di Web.

Ad altri, invece, Facebook non basta...
Altre persone, invece, sentono che Facebook non basta e aprono e/o tengono aperti i loro blog.
A costoro Facebook non basta anche perché
  • è un posto chiuso. Un luogo in cui i contenuti condivisi sono generalmente pienamente disponibili solo a coloro che ti sono “amici” e, raramente, agli altri;
  • è un posto dove i contenuti sono livellati, ovvero non possono essere facilmente strutturati in qualche maniera. Al massimo li si può distinguere per tipologia (foto, evento, nota…), ma resta difficile mettere ordine tra i contenuti: resta, infatti, un posto caotico e generalista;
  • è un posto dove può anche essere difficile distiguere la paternità di un contenuto; 
  • è un posto dove è ancora difficile ritrovare velocemente ciò che si era condiviso parecchio tempo prima;
  • è un lungo dove, mediamente, non vengono apprezzati interventi articolati, ma si tende a preferire la lettura di “aggiornamenti” brevi;
  • è un luogo “intermittente”, dove, paradossalmente, i contenuti possono sfuggire alla percezione;
  • è uno spazio che non può essere facilmente “personalizzato”.

Con un blog, invece, tra l’altro
  • si può dividere/organizzare/ordinare i contenuti in categorie (argomenti specifici) o come meglio si crede;
  • si può dare importanza ad alcuni contenuti;
  • si può rendere accessibile i proprio contenuti a chiunque, indipendentemente dal fatto che ti sia “amico”;
  • i propri contenuti hanno una cronologia evidente, pur permanendo nel tempo;
  • i contenuti sono facilmente ricercabili;
  • si può creare continuità con i propri lettori/visitatori;
  • ogni singolo contenuto è raggiungibile individualmente, perché ha un suo specifico indirizzo;
  • si può personalizzare l’aspetto del contenitore;
  • i contenuti possono essere condivisi su tutti i social network cui si aderisce.

Dunque, in estrema sintesi, se si vuole dare ai propri contenuti una vita meno effimera di quella che hanno su Facebook, è preferibile pubblicarli su un Blog e usare i social network come veicoli per diffonderli.

________
Ho evitato di ripetere qui quanto già scritto in altri post, ai quali, ovviamente, rimando:
  • Nel 2011 ho fatto una tabella in cui spiegavo il mio utilizzo di Facebook, Twitter e Blog. Anche se alcuni servizi citati non esistono più, il mio utilizzo di tali strumenti resta, in larga parte, immutato.
________

* Specifico che, in questo post, non faccio alcuna distinzione linguistica tra “sito” e “blog”, ma uso la parola “Blog” intendendo indicare con essa uno spazio, un luogo, raggiungibile, da qualunque navigatore, digitando un indirizzo conosciuto.

Commenti

Post popolari in questo blog

I leader in campagna elettorale (Post tra il serio e il faceto)

A una settimana dal voto (e nel giorno del mio compleanno) esprimo a voce alta qualche sensazione epidermica da elettore medio quale sono sulla campagna elettorale di cui siamo stati “vittime”. Premetto che, dato che i leader sono tutti di sesso maschile, il post prenderà inevitabilmente una certa piega... Se sei di palato fine, allontanati o leggi con bonaria comprensione. Dicevo che i leader sono tutti uomini. Tranne una: tra le fila dei partiti senza speranza, infatti, primeggia Giorgia Meloni, da subito ribattezzata “la bambina” per togliere di mezzo il suo essere donna e, quindi, renderla inoffensiva dal punto di vista del gender. Le altre donne sono state relegate al ruolo di vestali, amazzoni o prostitute a seconda delle propensioni personali o dell’appartenenza politica. Dicevo anche che di questa campagna elettorale siamo stati vittime. Essa, infatti, mi è parsa priva di contenuti e, comunicativamente parlando, stanca e noiosa. Mi pare, infat…

La vignetta maschilista di Vauro pubblicata da una donna

Altrove ho sottolineato come, a mio avviso, una vignetta disegnata da Vauro, all’indomani dell’outing di Lucio Dalla, fosse omofoba (vedi Parole GLBT).  Oggi, pur specificando che, nel complesso, le vignette di Vauro solitamente mi fanno sorridere, torno a scrivere di Vauro per esprimere sdegno per la vignetta, dedicata alla Ministro Fornero, pubblicata da “il manifesto” . Una vignetta brutta che parrebbe denotare un feroce maschilismo da parte di chi l’ha disegnata. Maschilismo e sessismo che giustamente hanno infastidito la Ministro delle Pari opportunità Elsa Fornero che, pubblicamente, ha definito “vergognosa” la vignetta di Vauro. Un maschilismo e sessismo che salta agli occhi: la Fornero è disegnata come fosse una donna di facili costumi che aspetta la telefonata del cliente (Marchionne). Un disegno e un titolo (“La Ministra squillo”) che, a mio avviso, non solo offendono Elsa Fornero, ma anche le donne in genere, le quali vengono pensate come delle prostitute capaci di aspettare te…

Andare oltre l'ebook

Sonia Lombardo in Oltre l’eBook. Guida alla Letteratura 2.0 edito da Smashwords nel 2012 esamina quella che si potrebbe definire la letteratura sperimentale nell’era del Web. Infatti, la Saggista illustra quali sono le forme letterarie che gli scrittori più innovativi stanno sperimentando grazie alla Rete.  Autori che non si accontentano che la loro opera subisca una semplice trasformazione da cartacea a elettronica diventando un ebook, ma che ambiscono a coinvolgere il lettore in nuove esperienze di fruizione e di partecipazione. L’Autrice ricorda che, per come sono pensati oggi gli eReader, per poter sperimentare non è possibile accontentarsi di un ebook, perché questi non offrono una vera partecipazione del lettore. Bisogna andare oltre l’ebook (come dice il titolo del saggio) e usare piattaforme Web e App sempre più innovative, grazie alle quali il lettore può essere coinvolto in un’esperienza di lettura che è anche co-autoriale, oltre che ludica, e che resta unica e diversa da quella…

Porta la vagina all'UCI Cinemas

In certi locali dove si cerca sesso le persone sono i loro genitali. Ecco, allora, che, quasi sempre, le vagine entrano gratis o pagano un biglietto simbolico; i peni accompagnati da vagine pagano il prezzo scontato; i peni solitari pagano biglietto intero. Il non detto che c’è dietro la promozione pare abbastanza chiaro e non sembra per nulla lusinghiero nei confronti delle donne: se sei un pene in cerca di vagina sappi che hai pagato per averla, quindi non farti scrupoli;se sei una vagina sappi che i peni hanno pagato per te, quindi mollala!In ogni caso, ciò che pare chiaro dalla “comunicazione non espressa” è che la vagina è percepita come una merce di conquista per i peni (non prendendo in alcuna considerazione l’eventualità che vi siano vagine in cerca di vagine o peni in cerca di altri peni).
In certi locali in cui si cerca sesso le persone sono i loro genitali, ma al cinema? Al cinema no! Dai al cinema! Eppure… Eppure in certi giorni e in certi cinema le persone sono i loro genitali. E…

Contenuti in movimento

Chi diffonde i propri contenuti nel Web gradisce che essi siano usufruiti anche da coloro (e sono sempre di più) che non usano i computer per navigare. Per raggiungere chi adopera lo smartphone e/o il tablet per tenersi aggiornato, ci sono svariati modi, tra cui la diffusione di una newsletter, la condivisione dei contenuti tramite i social network o l’uso dei Feed RSS
La creazione di una App specifica per diffondere i propri contenuti non va trascurata. Ad esempio, io ne ho realizzata una per i dispositivi Android. Non sempre, però, il navigatore ha voglia di istallare sul proprio dispositivo una nuova App... o non sempre esiste una App che funzioni sul proprio sistema operativo...
Ecco, allora, che potrebbe anche essere utile usare delle App assai diffuse come WhatsApp e Telegram (per dirne due che funzionano sui principali sistemi operativi) per veicolare i propri contenuti. WhatsApp mette a disposizione degli utenti le “Liste di distribuzione” con le quali poter mandare uno stesso mes…